Replica Franck Muller

TEMPO DI TRANSIZIONE: REPLICA MARINAIO RIF. 16660 “TRIPLICE SEI”

Nella terza puntata della nostra immersione profonda nella storia della https://www.orologivip.it replica Rolex Sea-Dweller, diamo un’occhiata alla ref. 16660. Spesso soprannominato il “Triple Six” e considerato un riferimento di transizione, questo Sea-Dweller ha apportato molte modifiche all’orologio da sub estremo di Rolex. replica orologi Esploriamo il Sea-Dweller ref. 16660 “Triple Six” in modo più dettagliato.

Il Sea-Dweller ref. 16660 ha fatto il suo debutto nel 1978. Sorprendentemente, Swiss Fake Rolex non ha interrotto la produzione del precedente Sea-Dweller ref. 1665 “Grande bianco”. Piuttosto, entrambi i riferimenti erano disponibili l’uno accanto all’altro per alcuni anni. Questo era probabilmente perché, sebbene condividessero lo stesso nome del modello, il Sea-Dweller ref. 1665 e il Sea-Dweller ref. 16660 erano davvero animali diversi.

I miglioramenti del design del Sea-Dweller Triple Six

L’allora nuovo e ora vintage Rolex Replica Sea-Dweller ref. 16660 Triple Six vantava molti cambiamenti. In primo luogo, la sua resistenza all’acqua è raddoppiata a 4.000 piedi (1.220 metri). Come strumento di orologio posizionato per i subacquei d’altura, questo è stato sicuramente un miglioramento pratico e impressionante. Il miglioramento della profondità dell’acqua è dovuto in parte a una valvola di fuga dell’elio più grande (HEV). Un rapido aggiornamento, l’HEV è il meccanismo brevettato da Rolex che consente agli orologi di decomprimersi correttamente quando si riaffiorano. Cioè, l’HEV rilascia automaticamente l’elio accumulato (e altri gas) dall’orologio. Il rilascio dei gas normalizza essenzialmente le differenze di pressione interna ed esterna, impedendo così lo scoppio del cristallo o altri danni all’orologio.

Il Rolex ref. 16660 Triple Six è stato anche il primo Sea-Dweller con un vetro zaffiro che protegge il quadrante. Naturalmente, il vetro zaffiro è ora di serie su tutti gli orologi Rolex, particolarmente apprezzato per la sua resistenza ai graffi. Come tutte le versioni del Sea-Dweller (fino alla versione più recente rilasciata a Baselworld 2017) il vetro zaffiro della ref. 16660 non include una lente di ingrandimento Cyclops sopra la finestra della data. Poiché tutti gli altri modelli di data Rolex includono l’obiettivo Cyclops, questo è un dettaglio di design che distingue il Sea-Dweller dal resto ed è apprezzato da molti.

Inoltre, seduto in cima al rif. L’orologio 16660 era ora una lunetta unidirezionale anziché bidirezionale. Inutile dire che questo è molto più sicuro per i subacquei poiché sovrastimare i tempi di immersione è molto meglio che sottovalutarli.

Il calibro migliorato del Sea-Dweller Triple Six

Oltre alle modifiche di cui sopra, il Sea-Dweller ref. 16660 aveva anche un nuovo calibro automatico che ticchettava all’interno. Il nuovo modello ospitava il Calibro 3035, che sostituì il Calibro 1575 del precedente Sea-Dweller ref. 1665.

Il nuovo Calibro 3035 operava a una frequenza più elevata: 28.800 battiti all’ora anziché 19.800 bph. Inoltre, era anche più resistente agli urti, una caratteristica molto apprezzata per un robusto orologio subacqueo.

Un aggiornamento super pratico che il Calibro 3035 ha portato al Sea-Dweller ref. 16665 era la funzione di impostazione rapida della data. Ciò significava ora che chi lo indossava poteva impostare la data rapidamente, indipendentemente dalla lancetta delle ore.

I quadranti del Sea-Dweller Fake Triple Six

Come con molti modelli Rolex vintage, ci sono diverse varianti di quadrante del Sea-Dweller ref. 16660. Il primo lotto dei modelli Triple Six (numeri di serie: da circa 5,9 milioni a circa 8,5 milioni) presentava un quadrante nero opaco senza bordi sugli indici circolari al trizio. Inoltre, tra questi quadranti neri opachi, ci sono due versioni principali: Mark I e Mark II.

MK 1: Corona Rolex più corta sotto le ore 12. La “f” in “ft” è sopra la lettera “E” in “SUPERLATIVO”.
MK 2: Corona Rolex più lunga sotto le ore 12, dove a volte la corona tocca effettivamente il triangolo invertito sopra di essa. La “f” in “ft” è sopra la lettera “V” in “SUPERLATIVO”.

Dopo i quadranti opachi, Rolex ha equipaggiato il Sea-Dweller ref. 16660 con quadranti neri lucidi con oro bianco sugli indici circolari al trizio. Il primo lotto di questi quadranti lucidi (Mark III) aveva in realtà due dettagli interessanti. La prima era che il trattino tra “SEA” e “DWELLER” non era più incluso. Il secondo era che questi nuovi quadranti lucidi avevano un difetto, che li causava rotture o “spioni”.

Rolex ha rimediato alla situazione e ha offerto una seconda versione del quadrante lucido (Mark IV) senza problemi di screpolature e il ritorno del trattino. Anche la corona era leggermente allungata e il carattere leggermente alterato. Vale la pena notare che i quadranti una volta lucidi diventano opachi man mano che invecchiano. Come previsto, questo è ora qualcosa che ha suscitato l’interesse dei collezionisti Rolex vintage di tutto il mondo.

C’erano anche quadranti COMEX del Sea-Dweller ref. 16660 Triple Six, ma ne parleremo approfonditamente in un altro articolo dedicato agli orologi COMEX Rolex Sea-Dweller. Quindi resta sintonizzato per quello.

Cosa viene dopo il Sea-Dweller 16660?

Il Sea-Dweller di transizione ref. 16660 Triple Six è stato in produzione per un decennio, dove è stato infine sostituito dal ref. 16600 nel 1988. Il Sea-Dweller ref. 16600 sarà, naturalmente, l’argomento del nostro prossimo capitolo sulla storia di Sea-Dweller, quindi assicurati di non perderlo.

Cosa ne pensi del Sea-Dweller Triple Six? Sei un fan del modello Sea-Dweller in generale?

Leggi la puntata precedente sul Sea-Dweller 1665 noto come “Great White”.

 

 

 

Commenti disabilitati su TEMPO DI TRANSIZIONE: REPLICA MARINAIO RIF. 16660 “TRIPLICE SEI”